Il pasticcio del Bunga Bunga

Bunga Bunga. Secondo lo Urban Dictionary “brutale stupro [n.d.r. di origine africana], inflitto come forma di punizione a chi oltrepassa i territori delle tribù”. Per il sempre ironico Elio e Le Storie Tese, un simpatico tormentone sulla “fertilità”…

Ecco che da giorni, gli italiani (e, ahimé, non solo) sembrano non avere altro per la testa.

Meno male che c’è anche qualcuno che guarda le cose da un altro punto di vista (Il Post) chiedendosi esattamente quando questa ormai epica espressione abbia fatto capolino nel mondo occidentale. Presto detto. Vi riporto qui di seguito i passaggi salienti sulla storia del Bunga Bunga. Magari un giorno diventerà materia d’esame… Davvero originale.

 

“Il 7 febbraio del 1910, il principe dell’Abissinia e i suoi uomini furono accolti con un grande e pomposo cerimoniale sul ponte della H.M.S. Dreadnought, la più potente nave da battaglia della marina britannica.

[…] Per ogni meraviglia che il comandante gli descriveva, gli abissini mormoravano con apprezzamento usando un’espressione della propria lingua madre, “Bunga, bunga!”. L’interprete descrisse al comandante le onorificenze militari dei componenti della corte. Alla fine lasciarono la nave, mentre i marinai cantavano ossequiosi “God save the king”, in onore del principe.

[…] Il giorno seguente, la marina apprese che le persone che avevano visitato la Dreadnought non erano affatto il principe dell’Abissinia e i membri della sua corte. Si trattava in realtà di un gruppo di ragazzotti dell’alta borghesia britannica: si erano truccati di nero il viso, avevano improvvisato dei costumi appariscenti e poi avevano composto un finto telegramma ufficiale per annunciare il loro arrivo sulla nave. […] Gli autori dello scherzo mandarono la loro foto in costume al Daily Mirror, e nell’arco di pochi giorni il fatto era su tutti i quotidiani britannici. “Bunga Bungle!”, titolava il Western Daily Mercury, giocando sulla parola bungle, pasticcio.”

 

Insomma, a distanza di un secolo, che sia il caso di esclamare tutti insieme: Bunga Bungle, che pasticcio Mr. President!

Fonte foto: Telegraph.co.uk

bungabunga1.pngbungabunga2.png

Il pasticcio del Bunga Bungaultima modifica: 2010-11-04T13:15:00+01:00da skylineit
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.